Come pulire al meglio un monopattino: guida e consigli utili

Quando parliamo di monopattini senza dubbio parliamo di uno dei mezzi che più si sono diffusi in questo lasso di tempo nel mercato dei così detti strumenti di spostamento, tra un numero di utenti sempre più in ascesa. La praticità e la convenienza, non solo dal punto di vista del prezzo ma anche nella semplicità di uso e nella facilità di guida, fa del monopattino il mezzo più in voga del momento.

Ce ne sono davvero tanti a cui poter fare riferimento, e sono tanti anche i clienti che decidono di comprarne di specifici o, se non altro, di puntare ad alcune di quelle che sono viste come le caratteristiche principali.  Ma ci sono molti aspetti che dobbiamo considerare,

Per esempio uno importante e che spesso viene in qualche modo trascurato fa riferimento, ad esempio, alla pulizia ed alla manutenzioneI particolare quando si parla di manutenzione e pulizia di un monopattino, cosa dobbiamo analizzare?

Come pulire un monopattino

Come pulire al meglio un monopattino? Diciamo che la principale accortezza che da ogni punto di vista dobbiamo o se non altro dovremmo tenere a mente è che esistono componenti elettriche, come ben si comprende, e parti e sezioni di collegamento e unione con batterie e sistemi di ricarica che devono essere tutelati. Come ogni strumento che è composto da elementi di tipo elettrico ed elettronico, anche il monopattino necessità di particolari tipi di intervento che, per quanto semplici possano essere, implicano delle accortezze dal punto di vista della pulizia.

In primo luogo, occorre fare come si comprende una grande attenzione alle sezioni e agli spazi in cui si trovano tutte le componenti elettriche, elettroniche e agli appositi comparti in cui la cautela dunque non è mai troppa. Possiamo in questa ottica immaginarci che, a fronte dell’uso nella vita quotidiana su strada, il rischio di sporcizia e di accumulo di polvere sia evidente. Ma come pulire?

Prima di tutto, procuratevi un bel panno di tessuto o stoffa, e assicuratevi che sia ovviamente sterile. Non usate alcun tipo di prodotto di pulizia che sia invasivo, per intenderci alcol o simili, se dovete passare il panno presso le aree in cui sono ubicate le componenti elettriche. Se dovete tirare via lo sporco e la polvere da altre sezioni, fare in questo modo, ovvero:

  1. prendere un altro panno, e bagnatelo leggermente, strizzandolo in modo che l’acqua non possa crollare una volta passato
  2. rendendovi conto al tasso se il panno è inumidito ma non colante, potete passarlo con cura e cautela lungo tutta la superficie del vostro monopattino
  3. una volta eliminato lo sporco, potete e dovete ripetere l’operazione identica più volte per evitare che restino strati di sporco sul vostro prodotto
  4. per le sezioni rischiose, relative a componenti elettrici, è necessario come si diceva usare un altro tipo di panno, secco e non bagnato, da passare sopra per eliminare le impurità senza correre rischi di sorta

La manutenzione del vostro monopattino del resto passa anche da altre accortezze. E’ vero che non potete controllare il tempo a livello di meteorologia e che, a conti fatti, quello che emerge da ogni punto di vista è che quando lo usate per strada ovviamente vi metterà nelle condizioni di rischiare di imbattervi in pioggia, vento, fango e sporcizia varia.

Se però avete modo di poter prendervi cura giorno dopo giorno del vostro monopattino magari pulendolo, come dicevamo poco sopra, appena rientrati nel vostro domicilio, di certo non si andrà in direzione di un accumulo di sporco in eccesso. In questo senso, entra in gioco anche un altro fattore. Quale? Quello della manutenzione e del ‘riposo ‘ del mezzo.

Ovvero, quando siete rincasati, come è ovvio che sia, dovreste riporre il vostro monopattino in un luogo che sia al chiuso, ovviamente, ma anche riparato dal possibile incedere di fattori ambientali come umidità, condensa o muffa. Conservare in un luogo coperto e a temperatura ambiente aiuta di molto, in molti casi, a preservare la lunga efficienza del vostro mezzo al di là delle intemperie che può prendere nell’uso in esterna.

Monopattino elettrico migliore in termini di pulizia

Quale può essere il monopattino elettrico migliore da comprare? Come sappiamo, anche se abbiamo parlato di pulizia fino ad ora, questo aspetto arriva solo in un secondo momento rispetto a quella che è la domanda cruciale da cui si parte. Ma anche la pulizia incide, se non altro in base al fatto che cambia il soggetto che può andare ad operare dal punto di vista pratico il mezzo su strada.

Vale a dire?

Occorre ricordare che spesso chi usa il monopattino è il bambino che può voler comprare il monopattino anche magari solo per un gioco momentaneo del momento e poi non averne cura. A prescindere dal fatto che non si tratta di un investimento di poche monetine, e che tutti dovrebbero poter essere educati ed incentivati ad avere cura di un mezzo proprio come appunto il monopattino, fa capo al genitore rendersi conto della situazione in cui si sta mettendo.

Dunque, accanto a fattori come quelli della convenienza economica o anche solo di concetti come la qualità strutturale o la sicurezza. Indicate al bambino che è meglio dare  un aiuto nella pulizia piuttosto che non farlo e trovarsi con un prodotto non ottimale a breve.

Ci sono poi altre considerazioni legate per esempio ai caschi e agli strumenti di protezione che vanno anche loro tenuti con cura e puliti in modo adeguato e che, specie se il monopattino ha un certo valore alto, non possono essere trascurati. Questo, al pari di altre componenti come le note ruote in poliuretano, il manubrio che come noto è regolabile in altezza ma è soggetto a impurità e sporco, e il freno a comando manuale. La batteria solitamente si ricarica in 12 ore e questo è un altro dei concetti che i vostri  bambini devono imparare.

Il monopattino in poche parole può – e nel loro caso deve – essere comprato a finalità ludiche e di divertimento, ma il piacere si sposa sempre col dovere e anche i più piccoli debbono imparare a fare i conti con la necessità di essere preparati nella gestione delle difficoltà, delle manutenzioni di un mezzo di questa portata e in genere nel dover iniziare ad assumersi la responsabilità della cura dei propri beni.

Daniele Silvestri, giornalista freelance, esperto SEO e appassionato di tecnologia, informatica e prodotti settoriali in modo particolare inerenti al complesso ma affascinante mondo dell’e-commerce.

Già autore, editor e formatore in Academy, dedico il tempo libero all’approfondimento e alla ricerca delle innovazioni tecnologiche, cibernetiche e telematiche anche in ottica domotica, con una spiccata curiosità per tutto ciò che rientra nell’ambito della produzione di prodotti volti a rendere migliore e più fruibile la vita quotidiana di ognuno attraverso un sempre maggiore apporto della tecnologia.

Back to top
menu
miglioremonopattino.it